Osama Zoghlami vince il 28° Trofeo podistico Acsi Città di Ravanusa

L’atleta dell’Aeronautica, insieme al gemello reduce dalle olimpiadi di Tokyo, ha superato allo sprint proprio Ala. Prima tra le donne la giovanissima Lorenza Blandi.

Ravanusa (AG).  Le prime stelle cominciano a brillare poco prima che cali la sera con Osama Zoghlami che al termine di sei giri a ritmo sostenuto, supera in volata il gemello Ala, andandosi ad giudicare la 28esima edizione del Trofeo podistico ACSI Città di Ravanusa, che si è disputato ieri nella cittadina dell’agrigentino. Un “trofeo” che torna ad essere vinto da un italiano a distanza di otto anni (considerando anche l’edizione del 2020 non disputata a causa della Pandemia); l’ultimo, infatti, ad aggiudicarselo era stato nel 2013, Giuseppe Gerratana. Ieri le stelle della gara di Ravanusa sono stati proprio i gemelli di Valderice appena tornati dalle Olimpiadi di Tokyo, protagonisti anche loro di una edizione storica dell’atletica leggera azzurra a “cinque cerchi”. Senza risparmiarsi Ala e Osama hanno fatto la gara, scrollandosi di dosso giro dopo giro (in tutto sei per 5820 metri) gli avversari. Alla fine lo sprint vittorioso di Osama su un Ala ancora alle prese con il Jat lag. Terzo a 22 secondi, il keniano Hosea Kisorio Kimeli nel 2017 e nel 2018 vincitore della Maratona Palermo, Quarto (con vista podio) il 21enne atleta del Mali che da sei anni vive a Palermo Soumalia Diakite (L’atleta Palermo). Quinto mai in gara, attardato da un piccolo infortunio, l’altro keniano Joash Kiprito Koech. Buone anche le prestazioni dell’atleta della Running Modica, allenato da Salvo Pisana, Carmelo Cannizzaro e di Pierluigi Garziano (Atletica Mazzarino). Nella intervista del dopo gara inevitabile il ritorno con la mente alla finale dei 3000 siepi mancata da Osama per una manciata di centesimi. “chissà cosa sarebbe successo se quella batteria l’avessi corsa con mio fratello… (qualificato per la finale e  giunto nono n.d.r.) chi può saperlo ormai è andata così”. Sono felice e orgoglioso di aver preso parte a queste Olimpiadi. La gara di oggi, bella veloce e con un percorso interessante per nulla scontato”. Sullo sprint finale ho approfittato di un po’ di stanchezza di Ala”.
Ma c’è una altra stellina che ha illuminato il pre sera al Trofeo podistico ACSI Città di Ravanusa; è Lorenza Blandi dell’Atletica Mazzarino, nettamente prima nella gara al femminile. Staccate, alle sue spalle, sono infatti giunte Liliana Scibetta (Pro Sport Ravanusa), vincitrice nel 2019 e Antonella Condello (Atletica Rosamaria).
In gara e premiati al termine della stessa, due atleti Paralimpici più volte nella loro carriera andati a titolo nazionale, Renato Adamo (Atletica Salemitana) e Vincenzo Amata (ASD Amatori Sant’Agata).

Premiazioni finali per i primi tre assoluti uomini e donne e di categoria, alla presenza dei rappresentanti dell’amministrazione comunale con in testa il sindaco di Ravanusa Carmelo D’Angelo.
La manifestazione, organizzata dalla Pro Sport, dall’ACSI Sicilia e patrocinata dal Comune di Ravanusa, si conferma così appuntamento internazionale tra i più importanti e seguiti della Sicilia e non solo, quest’anno tra l’altro, tra i pochissimi che sono riusciti a confezionare una manifestazione di livello e al tempo stessa sicura. 

Classifica uomini (metri 5820)

  1. Osama Zoghlami (Aeronautica Militare) 17’01
  2. Ala Zoghlami (Fiamme Oro Padova) 17’01
  3. Hosea Kisorio Kimeli (Atletica Virtus Lucca) 17’23

Classifica donne (metri 5820)

  1. Lorenza Blandi (Atletica Mazzarino) 22’19
  2. Liliana Scibetta (Pro Sport Ravanusa) 24’09
  3. Antonella Condello (Atletica Rosamaria) 25’31